La rivista

La rivista si propone di seguire da vicino il dibattito sul cambiamento nell’assetto della scuola e le decisioni che saranno via via intraprese, con l’interesse ambizioso di «vigilare» e contribuire a «orientare», nel rispetto dei bisogni e dei diritti delle persone in situazione di difficoltà. Si intende far convergere l’attenzione sulle scelte e sulle esperienze che esplicitamente o indirettamente si muovono nella direzione dell’inclusione, che da alcuni decenni costituisce una preziosa tradizione culturale del nostro Paese.

Viene sostenuta la convinzione che il processo di integrazione dei disabili sia in grado di innalzare la qualità dell’esperienza scolastica e sociale di tutti gli individui, «abili» e «diversamente abili», sotto il profilo educativo, didattico, organizzativo, giuridico-amministrativo. In questa prospettiva, la rivista documenta buone prassi, buoni progetti, buone idee, buone norme che camminano nella direzione dell’inclusione, aggiungendo tasselli a questo ideale percorsi, che si snoda intrecciandosi e identificandosi con quello dell’educazione attraverso l’istruzione e la formazione. Ci auguriamo di intessere un dialogo aperto e costruttivo con i lettori — insegnanti, studenti, genitori, dirigenti scolastici, professionisti dell’extrascuola, associazioni —, di arricchire il confronto, di contribuire alla crescita di una cultura di condivisione e di ricerca educativa e didattica.

Struttura della rivista

Monografia: riferita ai temi di maggiore attualità
News: per informare il lettore sulle novità del mese
Cantiere aperto: documenta sui provvedimenti in via di definizione
Documenti: materiale di diversa natura e origine, che può offrire un contributo positivo all’elaborazione delle norme o alla loro applicazione
Quesiti dei lettori, con risposte di esperti dei diversi campi
Recensioni: novità bibliografiche connesse alla normativa sull’integrazione scolastica e sociale