Sostegno e insegnamento individualizzato

Direzione scientifica: Daniela Lucangeli
Periodicità: ottobre, febbraio

Vol. 9, n. 1, ottobre 2012

Indice

Daniela Lucangeli

Editoriale

L'uso adattivo del calcolo approssimato è stato valutato somministrando un compito di giudizio a tre gruppi di alunni di scuola primaria: 18 di terza con disturbo dell'apprendimento matematico (MD), 22 di terza e 21 di seconda a sviluppo tipico (TA). Ai partecipanti era chiesto di esprimere un giudizio vero/ falso rispetto ai risultati di addizioni semplici e complesse, dove veniva manipolata la distanza tra risposta proposta e risposta corretta. Entrambi i gruppi TA erano attenti alla plausibilità della risposta e mostravano una riduzione dell'effetto della complessità riguardo alle somme inverosimili, evidenziando l'uso del calcolo approssimato. Diversamente, i bambini MD non risentivano dell'effetto della plausibilità della risposta e mostravano una riduzione più contenuta dell'effetto della complessità riguardo alle somme inverosimili, commettendo anche più errori. Per la spiegazione di questi risultati vengono discusse diverse ipotesi.

Viene presentato il videogioco educativo La gara dei numeri, adattamento italiano di The number race di Wilson e colleghi (2006). Il software, progettato per bambini di 4-8 anni, può essere utilizzato per il trattamento della discalculia o per potenziare il «senso dei numeri» in bambini senza DSA di scuola dell'infanzia. La struttura del gioco è basata sulle più attuali conoscenze riguardo alla cognizione numerica e pone un'enfasi sul senso del numero tramite il confronto di quantità numeriche e la loro relazione con lo spazio; rafforza il legame tra rappresentazioni numeriche simboliche e non; mira ad aumentare la comprensione e l'automatizzazione dei fatti aritmetici additivi e sottrattivi di base. La difficoltà del gioco si adatta in modo dinamico alle prestazioni del bambino allo scopo di garantire un apprendimento ottimale.

Viene presentato un caso pratico di applicazione dei recenti studi delle neuroscienze sulla cognizione numerica e dei relativi strumenti standardizzati di valutazione delle abilità di base, in un ragazzo di 14 anni con insufficienza mentale grave e sviluppo cognitivo disomogeneo con grave compromissione dell'area logico-matematica. Esplorando con gli idonei strumenti le abilità dell'alunno, frequentante la terza classe della scuola secondaria di primo grado, è stato possibile ottenere informazioni preziose per impostare un lavoro di recupero e consolidamento mirati. Dopo solo tre mesi di trattamento, l'alunno ha recuperato le abilità che erano carenti, nei limiti del suo ritardo cognitivo, che gli consente prestazioni a livello di scuola dell'infanzia.

Strumenti applicativi

Marta Todeschini, Eliana Benvenuti

Un’esperienza di potenziamento dell’abilità di soluzione di problemi geometrici

Nell'ambito del progetto «Psicologia dell'apprendimento in matematica: valutare gli apprendimenti in geometria e potenziare le abilità implicate», una classe quinta primaria della scuola «Carducci» dell'Istituto Comprensivo «Schiavinato» di San Donà di Piave ha svolto un lavoro di riflessione metacognitiva sull'approccio ai compiti geometrici prima di tutto distinguendo gli esercizi dai problemi e quindi approfondendo le strategie per affrontare i problemi.

Strumenti applicativi

Daniela Antonello

Di stile in stile: stile attributivo in matematica e autostima

Riallacciandosi agli studi sui rapporti tra attribuzioni, autostima, riuscita scolastica in matematica e differenze di genere, la presente ricerca si propone di indagare: se, e in che misura, si riscontrano differenze negli stili attributivi in generale e in matematica tra gruppi di allievi di diverse età della scuola dell'obbligo (148 soggetti di 10-14 anni); la relazione tra stile attributivo in generale e stile attributivo in matematica e tra quest'ultimo e l'autostima; la relazione tra stili attributivi e riuscita scolastica in matematica; se, e in che misura, si riscontrano differenze di genere nelle attribuzioni, nell'autostima, nella riuscita scolastica in matematica. Ci si propone inoltre di validare un questionario specifico di attribuzione in compiti matematici.